Condividi:

facebook twitter linkedin google email

Autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche in acque superficiali e su suolo

Modalità

L'ottenimento dell' autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche ed assimilate è obbligatoria per tutti i fabbricati non collegati al servizio di pubblica fognatura che producono scarichi di acque reflue domestiche ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs. 152/2006 e ss.mm.ii. ' Testo unico in materia Ambientale'.
Per acque reflue domestiche si intendono le acque reflue provenienti da insediamento di tipo residenziale e da servizi, derivanti prevalentemente del metabolismo umano e da attività domestiche.
L'autorizzazione è intestata al proprietario dell'immobile e deve essere ottenuta in via preventiva rispetto all'attivazione dello scarico. In caso di compravendita è necessario provvedere alla richiesta di voltura dell'autorizzazione.
L'Ufficio competente al rilascio è lo Sportello Unico Edilizia del Comune.

L'istanza va richiesta utilizzando l'apposita modulistica e presentata al Comune di Castel San Pietro Terme - Sportello Unico Edilizia, tramite:
- posta ordinaria al Comune di Castel San Pietro Terme - Sportello Unico Edilizia, 40024,  P.zza XX Settembre n. 3;
- presso l'Ufficio Protocollo del Comune di Castel San Pietro Terme;
- a mezzo PEC (posta elettronica certificata) all'indirizzo comune.castelsanpietro@cert.provinica.bo.it.

Lo Sportello Unico Edilizia è tenuto al rilascio dell'autorizzazione in forma espressa. Per tale procedimento non è previsto rilascio mediante decorso del silenzio assenso.
L'ufficio provvederà all'acquisizione del parere tecnico dell'Arpa (Agenzia Regionale per l'Ambiente) in qualità di organo tecnico in materia ambientale. In caso di documentazione parziale l'ufficio provvederà alla richiesta di documentazione integrativa mancante.
L'autorizzazione allo scarico rilasciata non sostituisce eventuali adempimenti in materia di edilizia che si rendessero necessari al fine della realizzazione dell'impianto.

L'autorizzazione allo scarico ha validità 4 anni dal rilascio ed entro la data di scadenza deve essere rinnovata.
Per rinnovo si intende il rinnovo di autorizzazione a condizioni immutate presentata entro il termine di scadenza dell'autorizzazione. Dopo la scadenza del termine di validità l'autorizzazione è considerata nuova. Nel caso sussistano variazioni della tipologia di impianto, del dimensionamento o della consistenza di manufatti o reti e/o del carico inquinante, si dovrà procedere alla richiesta di nuova autorizzazione.

Cosa occorre

Al fine della presentazione dell'istanza di nuova autorizzazione allo scarico è necessario avvalersi di tecnico progettista abilitato.
I parametri di inquinamento da rispettare sono contenuti nella Delibera della Giunta Regionale 9 giugno 2003 n. 1053 e nota applicativa di Arpa Emilia Romagna PGDG/2010/4115 del 03.08.2010.
Per il buon esito dell'istanza è indispensabile che il progetto presentato preveda la realizzazione di impianto di depurazione dei reflui prodotti consistente in:
- linee separate di acque bianche, acque nere e acque saponose (per gli edifici esistenti sono possibili deroghe in caso non sia prevista la ristrutturazione dell'immobile);
- fossa di tipo Imhoff  per trattare i reflui provenienti dai WC;
- degrassatore per cucine e acque saponose;
- filtro aerobico o anaerobico (da valutare in rapporto al carico inquinante);
- Le acque meteoriche devono essere raccolte separatamente e non devono essere inviate ad alcun sistema di trattamento.

Esistono in commercio altri sistemi di depurazione come ad es. impianti di sub-irrigazione (Rif. Delibera del Comitato dei Ministri del 04 febbraio 1977 allegato 5),  trattamenti con impianti di fitodepurazione o ad ossidazione totale.

La scelta dell'impianto più adatto è da valutarsi in rapporto alle caratteristiche quali e quantitativi dei reflui di scarico prodotti.

Per le nuove autorizzazioni o rinnovo con modifiche:
presentazione dell' istanza su apposita modulistica con apposizione di marca da bollo (previa elaborazione di progetto di tecnico abilitato per gli impianti nuovi o da adeguare) completa dei seguenti allegati in triplice copia:
- relazione tecnica descrittiva con indicazione del numero degli alloggi e degli abitanti equivalenti e descrizione degli scarichi e del relativo sistema di smaltimento adottato;
- copie di  planimetria dell'edificio in scala 1:200 o 1:500 con indicazione della rete fognaria completa;
- schede tecniche degli impianti di trattamento prescelti con indicazione di caratteristiche e dimensioni;
- planimetria catastale dell'insediamento (scala 1:2000);
- relazione geologica o geotecnica (in caso di scarichi sul suolo);
- corretta compilazione del modulo di pagamento diritti istruttori di Arpa (allegato della domanda);
- copia della concessione o autorizzazione (o dell'avvenuta richiesta) dell'Ente gestore del corpo recettore che può essere il Consorzio di Bonifica Renana (La modulistica al fine della richiesta di tale concessione è reperibile nel sito internet http://www.bonificarenana.it/concessioni.html) o la Provincia di Bologna.

Per i rinnovi:
presentazione dell' istanza su modulistica prestampata con apposizione di marca da bollo, completa del relativo allegato.
 

Tempi a conclusione del procedimento

Lo Sportello Unico Edilizia è tenuto al rilascio dell'autorizzazione entro 90 giorni dal ricevimento dell'istanza. Sono fatti salvi i tempi di attesa di documentazione integrativa mancante eventualmente richiesta dagli uffici.

Costi a carico dell'utente

Diritti di segreteria, da versare al momento del ritiro dell'autorizzazione, pari ad € 50,00.

Normative nazionali, regionali, comunali

Modulistica

UT - Fognatura Allegato A - Domanda di autorizzazione allo scarico in acque superficiali e sul suolo
UT - Fognatura Allegato B - Richiesta di voltura
UT - Fognatura Allegato C - Comunicazione per il rinnovo tacito
UT - Fognatura allegato istruzioni
Anagrafica dell'Ente
Comune di Castel San Pietro Terme
Piazza XX Settembre 3
40024 Castel San Pietro Terme (BO)
Tel. 051.69.54.154 - Fax 051.69.54.141
email (PEC): comune.castelsanpietro@cert.provincia.bo.it
Partita IVA: 00514201201
Codice Fiscale: 00543170377
Cod. catastale C265

Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti indipendentemente dalla piattaforma o dal browser usato perché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web: XHTML1.0 - Mobile Friendly

Crediti
I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio stampa e dell'ufficio URP del Comune di Castel San Pietro Terme.
Per inviare segnalazioni:
protocollo@cspietro.it
Pubblicato nell'aprile del 2015
Realizzazione sito Punto Triplo Srl