Condividi:

facebook twitter linkedin google email

Impianto di distribuzione di carburante - 04 - Modifiche d'impianto di distribuzione carburanti

Descrizione

Nel caso occorra apportare all'impianto di distribuzione carburanti una o più modifiche previste dal punto 2.2.1 dalla lettera b) alla lettera j) della Delibera del Consiglio Regionale 355/02, come modificata con Deliberazione dell'assemblea legislativa della regione Emilia-Romagna n. 208/2009, il titolare dell'autorizzazione deve, prima di iniziare i lavori, presentare il titolo edilizio e la richiesta dei pareri necessari all'intervento previsto.

Ultimati i lavori, contestualmente alla richiesta di Certificato Prevenzione Incendi quando necessario, deve presentare una comunicazione delle modifiche effettuate al Settore Attività Produttive e Commerciali.

Le comunicazioni di modifiche di cui ai punti d), e), g), h), j), devono essere accompagnate da un'asseverazione rilasciata da tecnico abilitato.
Non sarà rilasciato alcun atto finale.

Estratto Delibera del Consiglio Regionale 355/02 e ss.mm.

2.2 Modifiche degli impianti
1. Costituisce modifica all'impianto:

a) la variazione del numero di carburanti erogati;
b) la variazione del numero di colonnine;
c) la sostituzione di distributori a semplice o doppia erogazione con altri rispettivamente a erogazione doppia o multipla per prodotti già erogati;
d) la sostituzione di uno o più serbatoi o il cambio di destinazione dei serbatoi o delle colonnine per prodotti già erogati;
e) la variazione del numero o della capacità di stoccaggio dei serbatoi;
f) la sostituzione di miscelatori manuali con altri elettrici o elettronici;
g) la installazione di dispositivi self-service post-pagamento;
h) la installazione di dispositivi self-service pre-pagamento;
i) la variazione dello stoccaggio degli oli lubrificanti;
j) la trasformazione dell'impianto da stazione di vendita alimentata da carro bombolaio a stazione di vendita alimentata da metanodotto e viceversa.

A chi rivolgersi

Dirigente Angelo Premi

Telefono: Segreteria: 0516954131 - 149 - 206 - 169

Cellulare:

Fax:

E-mail: angelo.premi@comune.castelsanpietroterme.bo.it

Profilo: Dirigente

Funzioni:

close
Responsabile del Servizio Barbara Emiliani

Telefono: 0516954120

Cellulare:

Fax:

E-mail: barbara.emiliani@comune.castelsanpietroterme.bo.it

Profilo: Responsabile

Funzioni:

close

Modalità di presentazione della domanda

La presentazione dell'istanza avviene con il Sistema SuapBo.

Help desk piattaforma regionale SUAPbo

Scadenza / Termine per conclusione

comunicazione immediata art. 19 L. 241/90

Strumenti di tutela dell'interessato

La SCIA e la DIA sono atti di iniziativa privata e, quindi, non direttamente impugnabili dinnanzi al giudice amministrativo. L' interessato può, però, sollecitare l'Amministrazione ad effettuare verifiche ed eventualmente ad adottare atti di divieto di prosecuzione dell'attività e, in caso di inerzia, può esperire ricorso al TAR per chiedere l'accertamento dell'obbligo dell'Amministrazione di provvedere (vd. art. 19, comma 6 ter, L.n. 241/90 ed art. 31, commi 1, 2 e 3 Dlgs. n. 104/2010).

Normativa

DISTRIBUTORI CARBURANTI - DEL. 208/2009
DISTRIBUTORI CARBURANTI - DEL. 355/2002
Anagrafica dell'Ente
Comune di Castel San Pietro Terme
Piazza XX Settembre 3
40024 Castel San Pietro Terme (BO)
Tel. 051.69.54.154 - Fax 051.69.54.141
email (PEC): comune.castelsanpietro@cert.provincia.bo.it
Partita IVA: 00514201201
Codice Fiscale: 00543170377
Cod. catastale C265

Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti indipendentemente dalla piattaforma o dal browser usato perché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web: XHTML1.0 - Mobile Friendly

Crediti
I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio stampa e dell'ufficio URP del Comune di Castel San Pietro Terme.
Per inviare segnalazioni:
protocollo@cspietro.it
Pubblicato nell'aprile del 2015
Realizzazione sito Punto Triplo Srl