Martedì 6 a Castel S.Pietro vaccinati i 123 anziani prenotati. Spostata al 13 la visita di Bonaccini

Pubblicata il 7 aprile 2021 | Salute

Ha funzionato tutto alla perfezione nel primo giorno di attività al nuovo hub vaccinale nel Centro Congressi Artemide-Hotel Castello, aperto al servizio dei cittadini del Comuni di Castel San Pietro Terme, Dozza e Casalfiumanese. Dalle 13,30 alle 19,30 di martedì 6 aprile sono stati regolarmente vaccinati tutti i 123 anziani che si erano prenotati, nel pieno rispetto dei tempi previsti e soprattutto con la massima tranquillità e sicurezza garantite dalla funzionalità della struttura, messa a disposizione dalla famiglia Tosoni, e dall'organizzazione a cura dell'Ausl di Imola per la parte sanitaria e dei volontari del Centro Operativo Comunale di Protezione Civile (COC) per la parte di accoglienza e accompagnamento. Un nuovo servizio di eccellenza, dunque, come potrà presto constatare anche il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, la cui visita, inizialmente attesa per venerdì 9, è stata rinviata a martedì 13 aprile.

«Al fianco dei 3 medici e 10 infermieri dell'Ausl di Imola, sono dedicati a questo servizio in tutto 7-8 volontari dell'Associazione Nazionale Carabinieri, Gruppo Alpini-protezione civile ANA RER e Croce Rossa Italiana di Castel San Pietro Terme e anche dell'associazione Rambaldi di Dozza – raccontano i referenti del COC castellano Vito Lazazzera e Leonardo Bondi -. I volontari si alternano ogni 2-3 ore in modo che ne siano presenti sempre 3 o 4, in base alle necessità. Accolgono gli anziani, danno informazioni, li accompagnano dagli infermieri per la compilazione assistita dei moduli e, dopo il vaccino, sono a disposizione durante i 15 minuti in cui le persone devono rimanere in sala di attesa, affiancano gli infermieri al box della segreteria per il rilascio dei certificati e infine accompagnano gli anziani all'uscita».

Insomma un impegno notevole, sostenuto grazie a un'organizzazione ormai rodata nel corso di questo difficile anno di emergenza pandemica al servizio della popolazione.

«E' una  soddisfazione vedere che tutto è andato bene, senza intoppi o ritardi, e che i cittadini apprezzano il nostro servizio e ci ringraziano – aggiungono Lazazzera e Bondi -. Nel frattempo i volontari del COC continuano a garantire ai cittadini contagiati o in quarantena nelle proprie abitazioni i servizi di consegna spesa e farmaci, ritiro della spazzatura, e continuano anche ad affiancare la Polizia Locale nei controlli in occasione dei mercati che si tengono nel territorio comunale. In pratica siamo impegnati tutti i giorni e per tutta la giornata!»

«Ringrazio per l'importante contributo che avrà in questa nuova fase della campagna vaccinale – afferma il sindaco Fausto Tinti – il nostro Coc-Centro operativo comunale di protezione civile, che in quest'anno di pandemia ha già svolto un ruolo di fondamentale vicinanza alle famiglie in isolamento o in quarantena. E ringrazio ancora a nome di tutta la comunità castellana Luisa Tosoni e la sua famiglia per aver dato la disponibilità ad allestire il nuovo punto vaccinale al Centro Congressi Artemide-Hotel Castello. Insieme, e in collaborazione con l'Ausl di Imola e tutto il personale sanitario, faremo di tutto per far sentire ogni cittadino accolto e parte di un percorso che, se saranno fornite tutte le dosi necessarie a coprire la popolazione, ci porterà finalmente fuori da questo periodo di emergenza sanitaria. Infine, un appello alla pazienza: in attesa che la vaccinazione diventi di massa, gli appuntamenti continueranno ad essere fissati seguendo le classi di età o per categoria per cui è aperta la prenotabilità secondo le indicazioni di priorità fissate dal piano vaccinale nazionale e regionale» 



  • Primo-giorno-VaccinazioniCentroArtemide-con-volontariCOC-6aprile2021

Newsletter

Vuoi ricevere la newsletter settimanale
del Comune di Castel San Pietro Terme?

Iscriviti