Approvato il bilancio previsionale: in arrivo fondi a sostegno di famiglie e imprese

Pubblicata il 24 febbraio 2021 | Consiglio comunale

Un bilancio per assicurare la tenuta economica e sociale della comunità di Castel San Pietro Terme. Nella seduta del 23  febbraio il Consiglio Comunale ha approvato il Bilancio di previsione 2021 e il bilancio previsionale finanziario 2021-2023 che è espressione delle linee di indirizzo politico che l'Amministrazione comunale si è data per i prossimi anni e che getteranno le basi anche per lo sviluppo successivo del territorio. 

«Il documento di programmazione economica di Castel San Pietro Terme fa necessariamente i conti con la pandemia che proprio in queste settimane si è fatta ancora più aggressiva sul nostro territorio – sottolineano il sindaco Fausto Tinti e l'assessore al Bilancio e vice sindaco Andrea Bondi –, ma che non può e non deve alterare la nostra idea di Città. Una città che deve restare solidale con chi è più in difficoltà e guardare alche al futuro della comunità con un massiccio piano delle opere pubbliche e importanti lavori di manutenzione  che assicureranno la riqualificazione e la messa in sicurezza del territorio». «Siamo orgogliosi di aver deciso di dedicare il 35% delle risorse a scuola, disabilità e welfare così come di non prevedere alcuna manovra tributaria per l'anno 2021. Confermiamo le attuali tariffe dei servizi a domanda individuale e le aliquote relative ai tributi fiscali e, soprattutto, annunciamo la creazione di due fondi comunali che riusciremo a garantire entro la fine della primavera anche grazie all'avanzo di bilancio dell'anno precedente. Il primo fondo sarà di sostegno sociale per le fasce più fragili della popolazione e il secondo a tutela del commercio e delle micro imprese, che potranno così rinnovarsi e salvaguardaare i propri livelli occupazionali». 

In particolare, saranno destinati almeno 150 mila euro per la creazione di un fondo comunale di sostegno sociale da destinarsi, in via prioritaria, alle integrazioni delle risorse regionali per il contributo per l'affitto, a forme di risposta ai bisogni dei cittadini e al contrasto alla violenza di genere e ulteriori 150 mila euro per la costituzione di un fondo, sempre comunale, di sostegno al commercio e alla micro impresa da destinarsi per incentivi di riqualificazione degli spazi e dell'offerta commerciale con una attenzione speciale per il mantenimento dei livelli occupazionali, in particolare quelli femminili. Sarà prevista inoltre l'emanazione di un nuovo bando per l'erogazione di una ultima tranche di buoni spesa a sostegno dei nuclei familiari più bisognosi. I criteri per il bando saranno definiti nelle prossime settimane e oggetto di un nuovo incontro fra Amministrazione comunale e sindacati. 

Imponente, e per un valore di oltre 5 milioni di euro, il piano delle opere pubbliche per il triennio.
Tra gli interventi prioritari, l'ascensore per l'accesso al centro storico, la ristrutturazione dell'Arena comunale e della sede del volontariato, le opere di ripavimentazione di via Matteotti e via Cavour in linea con il piano per la riqualificazione del centro storico che prevede anche il secondo e il terzo stralcio del restauro conservativo del Cassero e dell'ex Pretura, diversi interventi di asfaltatura e la realizzazione delle piste ciclabili annunciate. Sono previsti, inoltre, interventi di potenziamento dell'illuminazione degli incroci stradali, percorsi e attraversamenti pedonali, la sottoscrizione del nuovo contratto di servizio con Area Blu e l'avvio della modifica del piano sosta e del sistema di accessibilità al centro storico mentre saranno realizzati l'intervento di sistemazione all'incrocio Scania-Marconi e la manutenzione straordinaria dei marciapiedi con particolare attenzione all'abbattimento delle barriere architettoniche.
Il territorio si svilupperà anche dal punto di vista produttivo, con il completamento degli insediamenti delle imprese di logistica nell'APEA San Carlo, l'incentivazione di micro-piccole-medie imprese del commercio e dell'artigianato, il completamento della riqualificazione del mercato ambulante del Capoluogo e il consolidamento e ampliamento dei mercati contadini.

Castel San Pietro Terme ha inoltre una forte vocazione turistica, da valorizzare nonostante la crisi del settore provocata dall'emergenza Covid. In programma ci sono la realizzazione del punto di accoglienza e gestione turistica nel Capoluogo; la promozione del territorio e delle sue eccellenze enogastronomiche e culturali attraverso un programma di eventi, che pandemia permettendo,  continueranno a puntare sulle nostre eccellenze: la Cittaslow, la Città dell'olio, l'Osservatorio nazionale del miele e le collaborazioni con la società Terme di Castel San Pietro, Imola-Faenza Tourism Company, Con.Ami e partecipate, Golf Club Le Fonti e Bologna Welcome.
Strettamente collegato anche il rinnovamento in chiave di sostenibilità ambientale, sociale e economica allo studio per la Carrera. In chiave sport, saranno avviati i lavori per la realizzazione del nuovo impianto Campo Calcio a 5, garantita la manutenzione degli impianti sportivi e verranno poste le basi progettuali ed economico-finanziarie per la realizzazione della nuova piscina comunale. Sarà pianificata la riqualificazione funzionale della Bocciofila di viale Terme e si darà al via ai lavori della Consulta dello Sport.
Come ci ha insegnato la stessa emergenza sanitaria, priorità alle politiche ambientali: aumenteranno i controlli sull'abbandono dei rifiuti in collaborazione con le Guardie Ecologiche, saranno avviati progetti volti alla riduzione dei rifiuti e alla promozione dell'economia circolare, i lavori per la realizzazione del nuovo centro di raccolta ad Osteria Grande e il percorso necessario per la modifica del servizio di raccolta dei rifiuti per il passaggio alla tariffa puntuale. Inoltre sarà completato il censimento delle alberature e continuerà la piantumazione di nuove alberature.

La priorità alla scuola, si diceva. La previsione di spesa è pari a 2.230.000 euro per il 2021. Le principali azioni sono: la sperimentazione del coordinamento pedagogico per le scuole dell'infanzia; sostegno alle famiglie; abbattimento delle rette dei nidi; acquisto di nuove attrezzature per i nidi e riqualificazione degli spazi. Sul fronte servizi extrascolastici, è confermato il pre e post scuola dal nido alle primarie, riorganizzando gli spazi nel rispetto delle norme anti-Covid; garantito il servizio dei centri estivi anche grazie ai voucher regionali e contributi statali (nessuno resterà escluso), per gli scuolabus si darà risposta a tutte le domande. Nel settore del welfare e sostegno alla disabilità, la previsione di spesa è di 2.800.000 euro. I principali interventi sono: completamento dei lavori nella palazzina dell'ospedale per avviare i progetti in rete con le associazioni di volontariato; mantenimento del servizio dei centri diurni e delle strutture socio-riabilitative (Zabina); trasporto individualizzato di Tradisan; progetti di sensibilizzazione, promozione e inclusione delle diverse disabilità con particolare attenzione all'autismo; prosecuzione dei percorsi di sensibilizzazione sul tema delle pari opportunità e di prevenzione sulla violenza di genere con le associazioni e sostegno logistico (consegna spesa, farmaci, ecc) e psicologico a fronte dei nuovi disagi derivanti dal Covid.

Infine, la cultura. Sono previste l'implementazione delle attività delle biblioteche, la stipula del Patto per la lettura conseguente all'ottenimento della qualifica di “Città che legge” e la catalogazione di oltre 2.000 nuovi volumi e acquisto nuovi abbonamenti ai quotidiani. Risorse saranno destinate al funzionamento dello storico Teatro comunale Cassero e sarà attuata la convenzione con Soprintendenza per conservazione e studio dei reperti e progetto per apertura Museo archeologico. Saranno poi consolidate le stagioni musicali e di teatro.
Particolare attenzione sarà dedicata ai giovani, con la ripresa delle attività educativa di strada con progetti di valorizzazione protagonismo giovanile e prevenzione del disagio e di quelle del centro giovanile di Osteria Grande, la partenza della Commissione Giovani, la ripresa del progetto dell'Aula studio appena possibile, il servizio civile universale, la promozione della YoungEr card, il sostegno a progetti delle associazioni giovanili e l'apertura di un nuovo spazio di aggregazione a Castel San Pietro Terme.

Sul fronte dell'innovazione, infine, particolarmente rilevanti sono le implementazioni tecniche del sito Internet istituzionale (rifatto nel 2020) per supportare le funzionalità di PagoPa e l'ulteriore potenziamento delle pagine social del Comune.

Newsletter

Vuoi ricevere la newsletter settimanale
del Comune di Castel San Pietro Terme?

Iscriviti