Buoni spesa: domande entro il 15 gennaio. Adesioni commercianti fino al 28 febbraio

Pubblicata il 12 gennaio 2021 | News

Mentre sono già 210 le richieste pervenute al Comune di Castel San Pietro Terme, si avvicina la scadenza per presentare le domande per i contributi rivolti alle famiglie che si trovano in condizioni di difficoltà in relazione all'emergenza sanitaria da Covid-19. Le richieste devono infatti pervenire entro le ore 12,30 di venerdì 15 gennaio 2021. I nuclei familiari interessati possono presentare la domanda compilando direttamente il modulo online disponibile nel sito del Comune (www.cspietro.it/servizi-online/buoni-spesa).

Dopo aver valutato le diverse modalità, in questi giorni l'Amministrazione comunale ha stabilito che i contributi saranno concessi sotto forma di buoni spesa cartacei con scadenza al 30 giugno 2021. Come già avvenuto durante la prima fase della pandemia, il servizio di grafica e stampa dei buoni viene infatti fornito gratuitamente dalla ditta S.O.S. Graphics esclusivamente a titolo di liberalità. 

I buoni si potranno utilizzare per l'acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità presso gli stessi esercizi commerciali che avevano aderito all'iniziativa ad aprile dell'anno scorso, e in più fino al 28 febbraio avranno la possibilità di aderire nuovi negozianti eventualmente interessati.

Questa volta i buoni comunali vengono stampati in tagli da 20 euro (anziché 10 euro). Di conseguenza vengono modificati gli importi dei contributi per i nuclei composti da una persona che passano da 170 a 180 euro, e per quelli da due persone che passano da 250 a 260 euro. Invariati gli altri importi (3 componenti 320 euro, 4 componenti 380 euro, 5 componenti 440 euro e oltre 5 componenti 500 euro) e l'aumento di 40 euro per ciascun minore nato negli anni 2018-2019-2020 presente nel nucleo familiare, fino ad un massimo di 80 euro.

«Durante il primo lockdown, e al netto dell'indagine della Guardia di Finanza, sono state 314 le famiglie di Castel San Pietro Terme – ricorda il vicesindaco, Andrea Bondi – che hanno ricevuto i buoni spesa distribuiti dai volontari della Protezione civile e previsti dal bando pubblicato dall'Amministrazione comunale per tamponare l'emergenza alimentare dei cittadini più fragili. In un momento in cui i contagi hanno ricominciato a correre, il nostro intento si rafforza: non sono non vogliamo lasciare indietro nessuno, vogliamo anche ampliare la platea di cittadini che riceveranno gli aiuti alimentari».

«Per l'assegnazione di questi nuovi contributi – ribadisce l'assessora al Welfare Giulia Naldi – abbiamo mantenuto lo stesso schema della prima tranche di buoni spesa, basandoci sempre sui criteri fondamentali di proporzionalità ed equità, ma lo abbiamo aggiornato in modo da includere un maggior numero persone che oggi si trovano in difficoltà economiche per le conseguenze dell'emergenza epidemiologica».

I contributi derivano da risorse trasferite a questo scopo dallo Stato e, come la volta precedente, la somma complessiva disponibile per le famiglie castellane è di 111.248,02 euro

Possono richiedere il contributo i nuclei che al momento di presentazione della domanda siano residenti (o con dimora abituale comunicata all'Agenzia delle Entrate) nel Comune di Castel San Pietro Terme, e abbiano le condizioni economiche indicate nell'avviso. 

Per informazioni o chiarimenti è possibile rivolgersi all'U.O. Solidarietà e Politiche giovanili, tel. 051 6954198–124,  e-mail buonispesa@comune.castelsanpietroterme.bo.it

Solo se il nucleo non è oggettivamente in grado di presentare domanda on-line, è possibile prendere un appuntamento per la consegna a mano della domanda al protocollo comunale presso lo Sportello Cittadino, negli orari di apertura al pubblico, telefonando ai  numeri 051 6954154 o 051 6954158. 

Per le domande pervenute sarà definita una graduatoria, dando priorità ai nuclei con i requisiti richiesti non assegnatari di altre forme di sostegno economico. 

Potranno essere effettuati controlli successivi all'erogazione del contributo. I cittadini che avranno presentato false dichiarazioni e fruito indebitamente del contributo da parte dell'Amministrazione Comunale decadranno dai benefici e saranno tenuti a rimborsare quanto indebitamente percepito, oltre ad una sanzione pari al valore del contributo.

Newsletter

Vuoi ricevere la newsletter settimanale
del Comune di Castel San Pietro Terme?

Iscriviti