Servizio Civile Universale: arrivate 31 domande per 9 posti

Pubblicata il 18 febbraio 2021 | Giovani

Hanno suscitato grande interesse fra i giovani le proposte del  Comune di Castel San Pietro Terme per il servizio civile universale, tanto che per i 9 posti disponibili sono giunte ben 31 domande. 
«E' stata davvero una risposta straordinaria - è il commento dell'assessore alle Politiche per i giovani, Fabrizio Dondi - che dimostra come i nostri ventenni siano presenti e abbiano voglia di mettersi a disposizione della loro comunità, riconoscendo nelle proposte dell'Amministrazione comunale una valida occasione formativa. In questi giorni siamo inoltre al lavoro sul progetto 2022, che intendiamo arricchire con nuove opportunità nei servizi turistici e culturali».

Il progetto più gettonato con 12 domande su quattro posti disponibili è stato “Un nido per tutti”, che si svolgerà all'interno dei nidi d'infanzia comunali Arcobaleno di Osteria Grande e Girotondo di Castel San Pietro e nella Ludoteca Spassatempo, seguito da “Biblioteca Spazio Comune” con 11 domande che accoglierà un giovane volontario nella Biblioteca di Castel San Pietro Terme. Inoltre 6 sono le domande pervenute per “Comunità digitali in cammino” che offre due posti allo Sportello Cittadino in Municipio, e due per “Nessuno escluso” dell'Ufficio Scuola comunale, che darà l'opportunità a due ragazzi di sperimentarsi in contesti extrascolastici come pre scuola, aiuto compiti pomeridiano, centri estivi, ecc. I colloqui di selezione si svolgeranno a marzo (https://www.scubo.it/consigli-per-le-selezioni/).

A queste proposte, si aggiungono quelle di altri soggetti presenti nel territorio comunale: il progetto “Insieme per il benessere della comunità” dell'Ausl di Imola che ha ricevuto due richieste per il posto disponibile alla Casa della Salute di Castel San Pietro Terme, così come il progetto “Un nido per tutti” del nido privato “Scarabocchiando” convenzionato con il Comune, mentre ha ricevuto due richieste per i due posti disponibili il progetto “Per una scuola inclusiva” della scuola paritaria Malpighi-Visitandine.

Nel frattempo fra pochi giorni (lunedì 22 febbraio) concluderanno il  Servizio civile nel Comune di Castel San Pietro Terme i giovani Silvia Canè, Annarosa Dongellini e Marco Solmi, che avevano iniziato un anno fa e fanno un bilancio dell'esperienza vissuta.


Silvia Canè e Annarosa Dongellini allo Sportello Cittadino

«Il servizio civile è stato per me una palestra di vita, mi ha formata a 360°  – afferma Silvia Canè, 29enne di Castel San Pietro Terme -. Mi ha dato tanto dal punto di vista sia lavorativo, sia umano, soprattutto per il contatto con le persone, anche se lavorare con la pandemia, in un momento in cui si devono tenere le distanze, ha significato dover trovare nuove forme di empatia per essere vicini alle persone. Il mio obiettivo ora è finire i miei studi e laurearmi in Giurisprudenza, poi mi piacerebbe continuare a lavorare nella Pubblica Amministrazione, a contatto con il pubblico».

«Svolgere il servizio civile allo Sportello Cittadino mi ha aiutato a crescere personalmente e lavorativamente  – spiega Annarosa Dongellini, 22enne residente a Imola -. Per carattere sono molto timida e grazie a questa esperienza ho acquisito una maggiore autostima e una migliore capacità di relazione con le persone più grandi. Si è creato un bel rapporto con tutte le colleghe, l'ambiente è stato superpositivo. Ora sto cercando un lavoro come impiegata o segretaria».

«Quest'anno è stato molto particolare – afferma Marco Solmi, 22enne di Castel San Pietro Terme -. A causa della pandemia, il mio progetto in Biblioteca è stato modificato in modo da riuscire ad aiutare il più possibile. Mi sono trovato molto bene con tutti. Visto il periodo, mi ritengo molto fortunato ad aver fatto il servizio civile, che mi ha tenuto occupato e mi ha fatto fare anche una prima esperienza lavorativa. L'esperienza più bella è stato il progetto fatto in collaborazione con le scuole Don Luciano Sarti, che consisteva nel portare i libri ai bambini della materna e delle elementari».


Marco Solmi in Biblioteca, e con una bibliotecaria alla scuola Don Luciano Sarti

Newsletter

Vuoi ricevere la newsletter settimanale
del Comune di Castel San Pietro Terme?

Iscriviti